Archivo

Archive for the ‘la cocina al carajo’ Category

crisi di IDENTITÁ non GOLOSE

Striscia la notizia colpisce ancora

Bravo Max Laudadio!

Bravissimo Rocco Iannone !

Era ora che qualcuno si decidesse a rispondere per le rime a quegli incompetenti nonché avvelenatori che si vogliono impossessare della cucina a suon di additivi chimici e porcherie varie.

Beh, che si mettano pure  l’anima in pace : non ci riusciranno mai , almeno finché esisteranno i cuochi veri, cioé  i conoscitori delle materie prime e della millenaria tradizione culinaria italiana.

Ma la cosa davvero comica é che addirittura questi signori provano a difendere l’uso e addirittura l’abuso della chimica nel piatto invocando a propria difesa la sedicente  ” creativitá ” delle loro ricette.

Ma mi facciano il piacere !

La creativitá non dipende mai dall’uso di certe  porcherie , e questo vale in tutti i campi , ma parte sempre solo e soltanto dalla conoscenza  profonda di ció che si stá facendo, cosí come uno  scrittore parte sempre  dalla conoscenza dell’alfabeto prima di arrivare , se mai é il caso, alla  ” creazione ” artistica.

Questi soggetti non sono cuochi veri ( io direi che non sono cuochi affatto ) ,  non sanno che vuol dire lavorare in cucina , quindi non riescono nemmeno a rispettare chi lo fá,  si atteggiano invece  a divi davanti ai media di ogni tipo e si piegano umilmente  al cospetto dell’industria piú bieca e irresponsabile : nemmeno  Mc Donald arriva a tanto !

Quando Rocco Iannone, con la sua simpatia partenopea , ci mostra una cernia succulenta, giá ha vinto la sua battaglia , e anche la guerra , contro i falsari del gusto… e sarebbe ora che si esponessero coraggiosamente come lui anche altri cuochi italiani.

Nel mondo della gelateria é piú o meno la stessa cosa : tutte polveri, pappe e pappine , contro le quali io mi batto in difesa dell’artigianalitá del gelato, ma soprattutto in difesa della qualitá del GELATO BUONO.

Il mancato rispetto delle materie prime  che si tenta di portare avanti , produce danni gravissimi , non solo alla salute dei clienti, ma anche al buon nome  dell’ ARTE CULINARIA :  colpa di coloro che , per pura e semplice ignoranza o peggio per convenienza economica , insistono con la pubblicitá di prodotti che meriterebbero solo di  essere eliminati come residui tossici.

VIVA la BUONA CUCINA , VIVA SEMPRE il BUON GELATO

Anuncios

ESOS DOS AÑOS

Siempre resulta una buena noticia cuando un restaurante   quimico  vá a cerrar sus puertas , aunque ya haya amenazado  No cerrar para siempre ,como debería , sino para un tiempo limitado de 2 años.

En cualquier caso , lamentablemente, ese experimento  molecular  no cierra YA, sino solo dentro de 2 años , aprovechando así la publicidad de esta declaracion para quizá poner prisa  a los aspirantes intoxicados para que se apunten al circo mediatico en calidad de guineas pagantes.

Esos dos años de cierre  podrían ser aprovechados perfectamente para , por ejemplo, aprender a cocinar de verdad , pero me temo que eso requiera una humildad que ya se ha demostrado faltar ,ademas del respeto de si mismo y del oficio que se declara practicar y , sobre todo, lo que falta es el  respeto al cliente,  el unico que les obligaría eticamente a hacer las cosas bien.

LEVA LE MANI DAL PIATTO !

Ma com’é possibile che la nobile arte del cucinare sia caduta cosí in basso ?

Ma come possono questi pseudo – cuochi star sempre smaneggiando i cibi nei piatti ,   con le loro mani tremolanti da minorati mentali e/o psicolabili, con tutti quei tatuaggi , capelli lunghi , sporchi e  incolti , braccialetti e anelli, cosí incapaci di usare le posate , che dovrebbero essere i loro strumenti di lavoro, mentre l’unica cosa che sanno fare é mettersi in mostra  davanti alle telecamere come veri e propri pagliacci ?

Il problema é lo stesso di tutte le altre professioni artigianali : il mestiere non si impara piú ” in bottega ”  durante anni e anni di pratica – unico modo per imparare davvero a cucinare , ma si fa un corsetto ridicolo  , in tutti i sensi , e voilá …ci si ritrova chef –  cuoco  MAI ! – nel giro di qualche settimana, magari anche meno.

Non ci si stupisca poi che nei ristoranti si mangi sempre peggio, ma quello che é piú grave é che non si salva neanche piú la forma.

Il cibo non é piú cosiderato come  tale, cioé come un prodotto cosí indispensabile nella vita dell’uomo da poter essere giudicato sacro, non é piú dunque un bisogno – piacere, ma solo l’oggetto di uno spettacolo ridicolo dove i sedicenti professionisti della culinaria , come e peggio dei selvaggi, smaneggiano continuamente il prodotto, suscitando , almeno spero, l’orrore dei veri esperti e degli inguaribili gourmet che non possono far altro che gridare , come me :

LEVA LE MANI DAL PIATTO , SCEMO  !

VIVA STRISCIA LA NOTIZIA


Molecolare: Striscia torna alla carica

L’Italia proporrà regole per tutt’Europa

Striscia la notizia torna alla carica sulla questione dei fornelli polemici. Il Tg satirico aveva deciso di passare al setaccio la tanto discussa cucina molecolare. Dal Governo arrivano i primi segnali e il ministero della Salute propone una nuova normativa a livello europeo

Dopo aver direttamente attaccato gran parte delle guide italiane, il tg satirico diretto da Antonio Ricci ed in onda su Canale5, aveva deciso di passare al setaccio la tanto discussa cucina molecolare.

Così, raccogliendo le segnalazioni di alcuni esperti del settore, l’inviato Max Laudadio aveva deciso di interpellare i cultori di questo modo di far cucina (Ferran Adrià in testa) per poi ottenere, all’inizio di giugno, il sequesto, da parte dei Nas, di una serie di additivi chimici destinati alla ristorazione. Tra queste anche il Texturas, kit per la cucina molecolare ideato e prodotto dallo chef spagnolo, in quanto l’etichettatura non era conforme alla normativa tutt’ora in vigore.

Striscia, nel servizio andato in onda nella puntata del 9 novembre , ha avuto modo di richiamare le diverse segnalazioni della stampa estera sull’argomento che il tg ha sollevato nei mesi scorsi.

Striscia annuncia un autunno ricco di novità, ritornando sull’argomento: dopo le denunce preestive sono seguite delle interpellanze del senatore Elio Lannutti dell’Italia dei Valori che ha chiesto al governo le intenzioni per la difesa della salute del cittadino.

Il Ministero della salute, attraverso le parole del sottosegretario Francesca Martini , ha invece dichiarato battaglia alla cucina molecolare (intesa sia come variazione delle materie prime della cucina italiana che come l’aggiunta di additivi): «Organizzeremo a breve – ha dichiarato la Martini –  una riunione che coinvolgerà l’Istituto Superiore di Sanità ed i Nas. Tutta l’attenzione è rivolta alla salute del cittadino. Non mancheranno dunque le dovute ispezioni».

L’Italia vuole dunque essere capofila nel regolamentare la cucina molecolare: «Vorremmo dare a tutta Europa una certa omogeneità nelle normative sul tema della cucina molecolare. L’alimentazione è importante. È fonte di nutrimento, ma può anche essere causa anche di allergie che generano gravi patologie. Vorremmo anticipare il lavoro europeo con possibili ordinanze che mettano in chiaro, almeno per quanto riguarda l’Italia, che la chimica, se entra in cucina, lo fa nella piena informazione del cittadino».

FOGONES POLÉMICOS

STRISCIA LA NOTIZIA

Esa importante programacion satirica de la television italiana de toda la vida, está haciendo una encuesta sobre algunos “
chefs ”  del ultimo invento para reciclar basura, o sea de la llamada ” cocina molecular  ” y de  sus muchas fechorias , hablando sobre todo de los “chefs ” que son los más esponsorizados por la industria , la cual tiene un evidente interes en ” lanzar ” productos cuyas propiedades dañina para la salud empiezan ya a ponerse de manifiesto con las muchas personas que acabaron en el hospital para intoxicacion despues de haber comido en algunos de esos famosos templos de la ” cocina “.

¿ Llegaran esas asquerosas ” influencias ” hasta al mundo de la heladeria ?

Yo apuesto para el NO , aunque el más alabado de todos esos ” chefs ” se haya permitido en decir , por ejemplo , durante una entrevista emitida por el programa , que ” el helado es quimica “ … bueno, creo que por cierto se refería al suyo, visto que acaba de estrenarse tambien como ” heladero “…

ese hombre y sus compañeros de ” oficio ” no se limitan a faltar de respecto a la cocina , sino tambien a todo lo que se refiere a la alimentacion, a la nutricion humana …